PANE INDIANO VS. PANE CAFONE NAPOLETANO

CULTURA

Esistono diversi tipi di pane indiano: le tre forme più comuni sono roti, chapati e naan

Quando mia madre mi mandava a comprare il pane, immancabilmente, mi diceva: “Mi raccomando, quando vai, dici che lo vuoi basso e cottoed io, altrettanto immancabilmente, me ne facevo dare uno alto, poco cotto e mollicoso. Ovviamente poi a tavola, io prendevo la mollica, e lasciavo a mio padre la crosta, a suo dire, la parte migliore. Oggi, a 34 anni, e non è cambiato niente, faccio ancora così

Jaisalmer, una donna cucina il pane indiano roti con il tawa

Jaisalmer, una donna cucina il pane indiano roti con il tawa

In India, la mollica non l’hanno ancora inventata. E devo ammettere di aver incontrato qualche difficoltà a fare la scarpetta dopo aver divorato un signor chicken tikka masala. Fortunatamente, in un paese in cui mangiare con le mani non sconvolge alcuno tra i miei commensali, non mi sono fatta scrupoli a lucidare il piatto con il mio bel pezzo di chapati o roti o naan

Ora, volendo essere un po’ più precisi, potrei classificarli così: il chapati è costituito di farina di grano integrale, acqua e sale, che viene schiacciato a mo’ di pizza del diametro di circa 12 cm e poi cotto su una piastra chiamata tawa che mi ricorda tanto il testo umbro (con il quale mio padre fa un pane che è la fine del mondo!). Il chapati può essere poi anche esposto per un istante direttamente alla fiamma viva facendolo così gonfiare di vapore, e in questa forma viene chiamato Gujrathi phulka.

Pane indiano, Naan

Naan

Il roti è…..la stessa identica cosa, di dimensioni più contenute. Può essere fatto con farine che non sono di grano, ma di riso o di miglio, tra l’altro povere di glutine, ed allora ogni volta assume un nome diverso. Il roti viene spesso cotto nel tandoori, ovvero in un forno di argilla di forma cilindrica, prendendo il nome di tandoori roti.
Infine (per modo di dire perché vi sono altri tipi di pane), il mio preferito, il naan, fatto con farina bianca, lievito, latte, yogurt e l’immancabile ghee, di origine pakistana, servito come plain, butter, garlic, ovvero liscio, al burro, all’aglio. Se proprio devo fare un paragone, sembra quello che ci portano in pizzeria per “spiluccare” non appena ti siedi al tavolo.
Il pane è, ad ogni modo, un elemento essenziale della cucina indiana, forse più che un semplice accompagnamento e se pensate che molto spesso, se non sempre, si mangia con le mani (ovvero con LA mano), il pane sostituisce in toto le posate. Siate però certi che, se casualmente, vi presentaste a casa di qualche amico senza aver prima avvisato, ci saranno sempre roti o chapati pronti per voi, perché gli indiani anche quando hanno poco da condividere, lo fanno sempre con il cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni

  •   C-2. Tanishq Apartment, 2nd Floor, Dadabari Road, Ward - 8, Mehrauli, New Delhi - 110030

  •    ITA (+39) 349 722 20 12

       IND (+91) 882 67 47 693

  •    +39 349 722 20 12

  •    info@susindia.it

Contatti

Accetto le regole sul trattamento dei dati personali in Privacy Policy.

Instagram Feed

Something is wrong. Response takes too long or there is JS error. Press Ctrl+Shift+J or Cmd+Shift+J on a Mac.

© Copyright 2018 | SusIndia di Susanna Di Cosimo. Tutti i diritti riservati.
Mutart | Privacy Policy - Cookie Policy